La storia di Anne Frank

In breve

  • Stampare

Anne Frank è una ragazzina ebrea che durante la Seconda Guerra Mondiale è costretta a nascondersi per sfuggire ai nazisti. Insieme ad altri sette compagni vive in clandestinità nella casa sul retro in Prinsengracht 263 ad Amsterdam. Dopo più di due anni questi clandestini vengono scoperti e deportati nei campi di concentramento. Il padre di Anne, Otto Frank, è l'unico degli otto inquilini dell'Alloggio segreto a sopravvivere. Il diario che Anne ha scritto durante il periodo trascorso in clandestinità la renderà famosa in tutto il mondo.

L'Alloggio segreto online

Attraversa le stanze arredate

Entra

Anne Frank’s Amsterdam

View the city’s timeline before, during and after the war.

To the website

Anne Frank - Cronologia

Con fotografie, frammenti  audio e video esclusivi

Vai alla cronologia

La vita in Germania

Anne Frank nasce il 12 giugno 1929 nella città tedesca di Francoforte sul Meno, dove la famiglia del padre risiede già da generazioni. Margot, la sorella, ha tre anni e mezzo più di Anne. La crisi economica, la salita al potere di Hitler e i crescenti sentimenti antisemitici pongono fine alla serenità della loro vita familiare. Otto Frank e la moglie Edith decidono, come molti altri ebrei, di lasciare la Germania.

Una nuova vita in Olanda

Otto può avviare un'attività imprenditoriale ad Amsterdam. La famiglia trova un'abitazione in Merwedeplein. Le bambine frequentano la scuola, Otto è molto impegnato nella sua azienda ed Edith si occupa delle faccende domestiche. Con l'aggravarsi della minaccia di guerra in Europa Otto cerca di emigrare con la sua famiglia in Inghilterra o negli Stati Uniti, ma questi tentativi naufragano. Il 1° settembre 1939 la Germania invade la Polonia. Questa aggressione segna l'inizio della Seconda Guerra Mondiale.

La guerra in Olanda

Per qualche tempo vi è ancora la speranza che l'Olanda non venga coinvolta nel conflitto, ma il 10 maggio 1940 le truppe tedesche invadono il paese. Cinque giorni più tardi l'Olanda si arrende e viene occupata. Ben presto vengono introdotti provvedimenti antisemitici. La libertà di movimento degli ebrei viene sempre più limitata, Anne e Margot devono frequentare una scuola ebraica e Otto non può più essere il proprietario della sua azienda.

Dopo il fallimento di un ulteriore tentativo di emigrare negli Stati Uniti, Otto ed Edith Frank decidono di nascondersi. Insieme a Hermann van Pels, un suo dipendente ebreo come lui, e con l'aiuto di altri due impiegati, Johannes Kleiman e Victor Kugler, Otto allestisce un nascondiglio nella casa sul retro dell'edificio in Prinsengracht 263 che ospita la sua impresa.

In clandestinità

Il 5 luglio 1942 Margot Frank riceve una convocazione per l'arruolamento in un campo di lavoro in Germania. Il giorno seguente i Frank entrano in clandestinità. Una settimana più tardi si unisce a loro la famiglia Van Pels e nel novembre del 1942 arriva l'ottavo clandestino, il dentista Fritz Pfeffer. Per più di due anni queste persone vivranno nascoste nell'Alloggio segreto.

Essi devono essere sempre molto silenziosi, hanno spesso paura e trascorrono il tempo insieme meglio che possono. Vengono aiutati dagli impiegati Johannes Kleiman, Victor Kugler, Miep Gies e Bep Voskuijl, dal marito di Miep, Jan Gies, e dal capo magazziniere Johannes Voskuijl, il padre di Bep. Queste persone non procurano soltanto cibo, abiti e libri, ma rappresentano per i clandestini l'unico legame con il mondo esterno.

Un diario come migliore amica

Poco prima di entrare in clandestinità, Anne riceve un diario in dono per il suo compleanno. Inizia immediatamente a scrivere e durante il periodo trascorso nel nascondiglio annota gli avvenimenti dell'Alloggio segreto e parla di sé. Il diario le è di grande conforto. Anne scrive anche brevi racconti e tiene nota delle citazioni di scrittori famosi in uno speciale quaderno delle "belle frasi".

Quando il ministro dell'istruzione olandese lancia un appello tramite l'emittente radiofonica inglese, chiedendo di conservare i diari del periodo di guerra, Anne concepisce l'idea di trasformare il suo diario in un romanzo dal titolo "L'Alloggio segreto". Inizia perciò a riscrivere interi brani, ma prima di poter portare a termine questo proposito viene scoperta insieme agli altri clandestini e arrestata.

Arresto e deportazione

Il 4 agosto 1944 i clandestini sono arrestati insieme a Johannes Kleiman e Victor Kugler. Essi vengono deportati ad Auschwitz dopo essere passati per la sede centrale del Sicherheitsdienst, la polizia di sicurezza, il penitenziario e il campo di transito di Westerbork. I due impiegati che li hanno protetti sono internati nel campo di Amersfoort. Johannes Kleiman è liberato poco dopo il suo arresto, Victor Kugler riesce a fuggire dopo circa sei mesi. Immediatamente dopo l'arresto Miep Gies e Bep Voskuijl salvano le carte che compongono il diario di Anne e che sono rimaste nell'Alloggio segreto. Nonostante un'approfondita inchiesta non si è mai saputo come sia stato scoperto il nascondiglio.

Il ritorno di Otto Frank

Otto Frank è l'unico degli otto clandestini a sopravvivere alla guerra. Durante il suo lungo viaggio di ritorno in Olanda egli apprende la notizia della morte della moglie, Edith. Delle figlie non sa ancora nulla, ma continua a sperare di rivederle. All'inizio di giugno giunge ad Amsterdam e si reca subito a casa di Jan e Miep Gies, dove rimarrà per i prossimi sette anni.

Otto Frank cerca di ritrovare le figlie, ma in luglio viene a sapere che entrambe sono morte di malattia e di stenti a Bergen-Belsen. Miep Gies gli consegna le carte del diario di Anne. Otto le legge e viene a conoscere un'Anne diversa. Ne rimane profondamente colpito.

Il diario di Anne

Anne ha scritto nel suo diario che dopo la guerra era sua intenzione diventare scrittrice o giornalista e pubblicare il suo diario in forma di romanzo. Alcuni amici convincono Otto che il diario è un documento di grande valore ed espressività. Il 25 giugno 1947 il diario è pubblicato con il titolo "Het Achterhuis" [L'Alloggio segreto] in una tiratura di 3.000 copie, a cui seguono innumerevoli ristampe, traduzioni, un adattamento teatrale e cinematografico.

La vicenda di Anne Frank diventa nota in tutto il mondo. Nel corso degli anni Otto Frank risponde a migliaia di lettere di persone che hanno letto il diario di sua figlia. Nel 1960 la Casa di Anne Frank diventa un museo. Otto Frank partecipa fino alla sua morte, avvenuta nel 1980, alle attività della Casa di Anne Frank, impegnandosi a favore dei diritti umani e del rispetto.

In breve La storia di Anne Frank

Anne Frank è una ragazzina ebrea che durante la Seconda Guerra Mondiale è costretta a nascondersi per sfuggire ai nazisti...

Più...

La vita in Germania Eerst leidt de familie Frank een gelukkig leven

Maar al snel pakken zich donkere wolken samen. De situatie wordt voor joden steeds gevaarlijker.

Più...

L'emigrazione in Olanda De situatie in Duitsland is te gevaarlijk geworden

De familie Frank vertrekt naar Nederland en bouwt een nieuw bestaan op.

Più...

Il nascondiglio De familie Frank duikt onder

Acht onderduikers zitten twee jaar in de schuilplaats. Ze kunnen nooit naar buiten.

Più...

Un diario come migliore amica Schrijven is Annes lust en leven

Dopo la guerra Anne Frank desidera diventare scrittrice o giornalista. Ze herschrijft haar dagboek voor publicatie.

Più...

L'arresto Dat waar iedereen zo voor vreesde, gebeurt

De onderduikers zijn verraden. Ze worden naar de concentratiekampen gedeporteerd.

Più...
Eerste buitenlandse uitgaven van Annes dagboek

La pubblicazione del diario Annes dagboek maakt enorme indruk

Otto Frank beantwoordt duizenden brieven van over de hele wereld.

Più...