Solo Otto Frank sopravvive alla deportazione.

Il destino dei clandestini: gli uomini

Auschwitz sotto la neve Il 27 gennaio 1945 soldati russi liberano il campo di Auschwitz-Birkenau. Vi trovano appena 7650 superstiti.
  • Stampare

Otto Frank, Fritz Pfeffer, Hermann e Peter van Pels rimangono insieme. Gli internati sono costretti a compiere un duro lavoro, devono scavare fossati. Peter è fortunato: viene assegnato all’ufficio postale. I custodi e i prigionieri non ebrei possono ricevere posta. Qui Peter riesce a racimolare a volte qualcosa in più da mangiare.

Il ritorno di Otto

Spera che Margot e Anne siano ancora vive.

Piú

Hermann van Pels

Le selezioni avvengono con frequenza regolare: i detenuti troppo malati o troppo deboli per lavorare vengono mandati immediatamente nelle camere a gas. Hermann van Pels, qualche settimana dopo il suo arrivo, non è più in grado di lavorare. Egli viene portato via durante una selezione e ucciso con il gas.

Fritz Pfeffer

Nell’ottobre 1944 Fritz Pfeffer è deportato a Neuengamme. Qui migliaia di internati soccombono a causa delle pesantissime condizioni di lavoro, della scarsità di cibo e delle pessime condizioni igieniche. Fritz Pfeffer muore il 20 dicembre 1944 nell’infermeria del campo, all’età di 55 anni.

Neuengamme Prigionieri nel campo di Neuengamme.

Peter van Pels

Peter van Pels è costretto a lasciare Auschwitz poco prima. Tutti i prigionieri ancora in grado di camminare vengono portati via. Dopo una marcia massacrante arriva nel campo di concentramento austriaco di Mauthausen dove è costretto a fare un durissimo lavoro in una cava di pietra. Ormai stremato morirà probabilmente tra l’11 aprile e il 5 maggio 1945.

Deportati liberati a Mauthausen

Otto è salvo

Il 27 gennaio 1945 i soldati russi liberano il campo di concentramento di Auschwitz. Otto Frank è uno dei 7650 prigionieri ancora in vita. Pesa appena 52 chili mentre nell’Alloggio segreto ne pesava 70. Otto ricorderà soltanto le uniformi candide come la neve dei soldati russi: "Erano brave persone. Non c’importava che fossero comunisti. Non avevamo alcun interesse per la politica, per noi contava soltanto essere liberi."

Il destino dei uomini Solo Otto Frank sopravvive ai campi di concentramento

Otto Frank, Fritz Pfeffer, Hermann e Peter van Pels rimangono insieme...

Più...

Il destino delle donne Anne e Margot muoiono a Bergen-Belsen

Dopo l’arrivo ad Auschwitz-Birkenau e la selezione, Edith, Anne e Margot Frank sono assegnate alla stessa baracca...

Più...

Li ultimi giorni di Margot e Anne Frank La fine

Quando l’esercito russo sta per raggiungere il campo di Auschwitz-Birkenau, situato in Polonia occupata dai Tedeschi, i…

Più...