Le atrocità della guerra: come affrontarle?

  • Stampare

Questo tema pone un dilemma all'insegnante: si vuole insegnare la storia dell'Olocausto e della Seconda Guerra Mondiale ma non è possibile far comprendere questi avvenimenti storici senza turbare profondamente gli studenti. Il nostro consiglio è di presentare gli aspetti più atroci della guerra in classe con misura e ponderazione, senza farne il nucleo della lezione.

Quelle atrocità possono impressionare gli allievi più giovani e il loro turbamento può durare anche dopo la lezione. Nella preparazione delle lezioni è importante dedicare attenzione alla composizione della classe, individuando quali allievi potrebbero essere più impressionabili. Altrettanto importante è informare i genitori che l'argomento verrà affrontato in classe, per prepararli ad affrontare eventuali domande.

L’uso di immagini

L'impiego di materiale visivo che suscita orrore deve essere molto limitato ed è meglio evitarlo nelle classi della scuola primaria. I bambini di età inferiore ai 10 anni non posseggono ancora capacità cognitive ed emozionali-sociali tali da assimilare ed elaborare questo genere di conoscenze. Spesso il turbamento suscitato impedisce ai bambini di parlare dell'argomento o provoca risatine che esprimono il loro disagio. Inoltre, il turbamento e il disagio possono protrarsi anche al di fuori della classe. Se si vuole comunque mostrare immagini scioccanti, è opportuno chiedersi a quale scopo lo si fa e cosa si intende raccontare mostrando l'immagine.

Affrontare il tema delle atrocità brevemente

È utile affrontare gli aspetti più atroci della guerra ma senza incentrare su di essi la lezione. È bene tenere a mente che quando i bambini saranno più maturi avranno sufficienti opportunità di venire a contatto con questi aspetti. Prima di iniziare, è opportuno valutare quali allievi possono essere più sensibili a questa tematica e considerare come sostenerli.

Guarda anche

10 ragioni per una didattica su Anne Frank

La didattica su Anne trasmette il ricordo di Anne Frank a una nuova generazione...

Più...

Perché studiare ancora l’Olocausto?

Semplicemente, perché spiegando l'Olocausto e utilizzando la storia di Anne Frank come paradigma si possono evidenziare le…

Più...

Cosa sanno gli studenti sulla Seconda Guerra Mondiale e su Anne Frank?

Tanti ragazzi trovano le storie sulla guerra interessanti e avvincenti, ma poiché sono passati quasi 70 anni dal conflitto…

Più...
Anti-Joodse maatregelen

Scelte e dilemmi nel periodo dell’occupazione

Durante la Seconda Guerra Mondiale e l'Olocausto molti si posero pressanti interrogativi su cosa fosse giusto...

Più...

La vicenda di Anne Frank avvicina gli studenti al passato

Le dimensioni dell'Olocausto sono incommensurabili, per questo le vicende personali aiutano a far comprendere meglio il…

Più...

Vittime, soccorritori, carnefici, spettatori

La società durante l'Olocausto può essere analizzata ponendosi nella prospettiva di quattro figure diverse: vittime,…

Più...
Nederlandse kinderen vieren de bevrijding van Velp

Materiale storico audio/visivo in classe

Filmati e fotografie della Seconda Guerra Mondiale vivacizzano la lezione e contribuiscono, almeno in parte, ad avvicinare il…

Più...