Libro degli ospiti

Invia i tuoi commenti

Attribuiamo grande importanza ai tuoi commenti. I campi con * sono obbligatori * I campi con * sono obbligatori

Sesso

Leggi i commenti degli altri

Martedì. 7 Dicembre 2010. Cara Anne, In questi anni, ogni volta che leggevo il tuo diario, il desiderio di visitare i luoghi dove sei cresciuta e dove sei stata nascosta per tanto tempo, si faceva sempre più forte e ugente dentro di me. Poi, il giorno in cui ho avuto la possibilità di venire in Olanda, l'11 Aprile scorso, sono riuscita ad avverare tutto questo. Ricordo ancora cosa ho provato nel vedere per la prima volta la libreria: ho pianto come una bambina, di felicità e commozione e non ho potuto smettere fino alla fine. Era tropo bello! Troppo meraviglioso visitare un posto, si molto drammatico, ma anche il luogo in cui tu Anna, hai trovato la tua crescita interiore, in cui sei riuscita a sviluppare un carattere che poche ragazze della tua età hanno oggi, in cui ti sei innamorata, in cui hai capito il vero significato di Libertà. Io voglio fare la scrittrice (e anche la pittrice, l'artista insomma) e spero che questo mio grande sogno si avveri prima o poi. Sarai sempre nel mio cuore Anne. Grazie per avermi ispirata a cominciare, all'età di nove anni, il mio primo Diario. Scriverò finchè avrò fiato nei polmoni per farlo. Per me stessa, per gli altri ma soprattutto anche per te!!!

Laura Saporita, 21 - Roma - Italia - 7 dic 2010

dopo aver letto il suo diario sono cambiato. ho letto tutto il possibile su di lei e subito dopo mi sono sentito chiamato ad andare nel suo rifugio (forse per cercare di avvicinarmi il più possiblie a lei). sono andato il 25 dicembre 2009, c'erano molti visitatori e quasi non mi sono reso conto di stare nel suo alloggio segreto, allora il mattino seguente di buon mattino sono stato il primo ad entrare,ho seminato dietro di me i visitatori ,sono salito su....solo io e anne frank..oddio anne, cosa ti hanno fatto??provo io vergogna come essere umano per quello che ti è stato fatto. sei sempre con me anne!

pino, 36 - pescara - Italia - 13 nov 2010

Sono stato ad Amsterdam ad agosto 2010, quando ho visitato la casa di anna mi sono emozionato nel pensare cosa hanno dovuto subire tutti gli ebrei. Sono sempre stato convinto che le guerre e le persecuzioni sino solo una stupida follia di persone senza umanità.

Simone, 39 - Pellestrina Ve - Italia - 30 ago 2010

Mercoledì 18 agosto 2010 sono stata a visitare la casa di Anna Frank. L'avevo già visitata 19 anni fa ma era mio desiderio ritornarvi assieme alle mie bimbe di 5 e 6 anni. Ho cercato di spiegare loro la storia con parole semplici puntanto sul fatto che sono delle bambine fortunate. Quando ho spiegato loro che Anna teneva un diario dove scriveva tutti i suoi segreti, Giorgia, con tutta l'emozione e la curiosità di una bambina di 6 anni, mi ha quindi chiesto "E cosa scriveva? cosa voleva fare da grande?".........silenzio........Penso non servano altri commenti..... Certo che la visita è stata molto educativa per tutta la famiglia e per le bimbe: ne abbiamo tratto un grande insegnamento pur trattandosi di una storia che conoscevo ma Anna ha la capacità di rinnovarsi sempre. Peccato che il nostro inglese non ci ha permesso di capire tutto.... il resto lo abbiamo fatto a casa leggendo i libri acquistati. Grazie Anna Frank

Margherita, 41 - Loreggia (PD) - Italia - 24 ago 2010

Una casa vuota piena di emozioni.

Cata, Italia - 19 ago 2010

..sono stata ad Amsterdam nel dicembre 2007,in occasione di un tour ....quando ho visitato la casa di Anne ero molto emozionata.da sempre coltivo un interesse storico per il nazismo e l'olocausto...Anne è stata una presenza perenne nella mia vita,già da quando ho letto il suo diario la prima volta nell'estate del 1980...credo che il mio interesse per l'orrore che il nazismo ha creato e il mio desiserio di conoscenza e comprensione di come tanto male si sia potuto propagare ,nonchè la mia fondamentale convinzione che le guerre siano inutili,malvagie ,contrarie alla dignità umana sia cominciato grazie al racconto della sua esperienza..ammiro moltissimo anche Helga Schneider,di cui raccomando la lettura de "il rogo di Berlino",utile per comprendere come l'orrore nazista sia statovissuto e subito dai berlinesi stessi.grazie.

raffaella mascheroni, 40 - bellusco(MB) - Italia - 16 ago 2010