Da nascondiglio a museo - La storia della Casa di Anne Frank (4)

Gli scritti di Anne nella museo

Minister Ronald Plasterk kijkt met belangstelling naar een getrouwe kopie van het dagboek van Anne Frank
  • Stampare

Nuova sala

Tutti i diari e gli scritti di Anne Frank esposti

Più

Autenticità

Otto Frank intentò una serie di procedimenti legali contro neonazisti che affermavano che il diario non era autentico.

Questa eredità di Anne è ora una parte molto importante della collezione museale della Casa di Anne Frank. Tuttavia, nei 25 anni successivi alla sua apertura al pubblico (1960), il diario era custodito altrove.

Quando Otto Frank nel 1952 si trasferisce a Basilea porta con sé l’eredità della figlia Anne. Egli dà in consegna i diritti d’autore sugli scritti di Anne ad un fondo, l’Anne Frank Fonds di Basilea.

Alla morte di Otto nel 1980, tutti gli scritti della figlia vengono consegnati, dietro sua richiesta, allo Stato dei Paesi Bassi, il quale a sua volta affida la conservazione di questo patrimonio al Rijks Instituut voor Oorlogsdocumentatie (Istituto reale per la documentazione bellica, successivamente Istituto nazionale per la documentazione bellica, NIOD) di Amsterdam.

Il NIOD, nella prima metà degli anni ‘80 del secolo scorso, è impegnato a realizzare un’edizione scientifica degli scritti di Anne, allo scopo di smentire definitivamente le accuse di falsità del diario. Tutti gli scritti di Anne sono esaminati accuratamente e con metodi diversi.

RIOD-medewerker Harry Paape met de geschriften van Anne Frank
Il direttore dell’Istituto reale di documentazione bellica (RIOD) mostra il diario originale di Anne Frank con la copertina a quadretti.

L’edizione scientifica viene pubblicata nel 1986. Soltanto dopo la pubblicazione il primo diario di Anne – il noto quaderno con la copertina a quadretti e la serratura rotta – è esposto nel Museo insieme ad alcune pagine sciolte. Il resto dei manoscritti di Anne è conservato dal NIOD in una cassaforte. La vetrina con il diario nella Casa di Anne Frank cade sotto la responsabilità del NIOD.
 
Nel 2010, in occasione del cinquantenario dell’apertura al pubblico della Casa di Anne Frank, è esposta per la prima volta l’intera raccolta degli scritti di Anne: la gestione dei tre diari, del quaderno delle belle frasi, del libro dei racconti e delle pagine sciolte che Anne scrisse nell’Alloggio segreto, insieme ad un album di fotografie composto da lei nel nascondiglio, è trasferita ufficialmente il 18 marzo 2010 alla Casa di Anne Frank.

La filosofia su cui si fonda il nuovo allestimento è che gli edifici stessi devono narrare in larga parte la storia. In tutte le stanze di Prinsengracht 263, che sono state riportate per quanto possibile nello stato in cui si trovavano prima della guerra, si possono leggere in due lingue citazioni dal diario di Anne, che spiegano la funzione di quella specifica stanza durante il periodo della clandestinità.

A un passo dalla demolizione Salvato dalla rovina

Nella casa sul retro dell'edificio che si affaccia sul canale, il n...

Più...
Juli 1968, zomerconferentie

Centro internazionale della gioventù I sogno di Otto Frank

"Il restauro della casa è ora in pieno svolgimento e ci auguriamo che l’Alloggio segreto possa essere aperto al pubblico…

Più...

Ristrutturazione Progetto di restauro e rinnovo

La Casa di Anne Frank, dopo il restauro e l’inaugurazione avvenuta nel 1960, è stata ristrutturata altre due volte...

Più...
Fototentoonstelling over Vietnamoorlog, jaren zestig

Mostre educative Tematiche sociali

Sin dall’apertura della Casa di Anne Frank al pubblico (1960), l’edificio assolve ad una funzione più vasta di quella di…

Più...
Anne Frank Huis. Bezoekers bekijken de maquette van het huis.
Anne Frank House. Visitors looking at the model of the house.

I visitatori di allora e di oggi

Spesso la Casa di Anne Frank è affollata...

Più...
Anne Frank Huis. Eerste ruimte van de museumroute. 
Anne Frank House. First room of the museum route.

Una storia sempre più lontana? Compito educativo

Da quando la Casa di Anne Frank ha aperto i battenti (1960) molto è mutato, eppure tante cose sono rimaste uguali...

Più...