Mostra temporanea sulla breve vita di Anne Frank, con fotografie, lettere e libri.

"Adesso ho quindici anni"

  • Stampare

"Adesso ho quindici anni" scrive Anne Frank il 13 giugno 1944 nel suo diario. In quel momento vive in clandestinità da due anni.

Collezioni Anne Frank

Collezione speziale.

Più...

  

Le fotografie e le lettere ci mostrano una ragazzina vivace e curiosa che inizialmente ha una vita normale. Anne va a scuola, gioca per strada e corrisponde con i suoi parenti. L’occupazione tedesca e i provvedimenti antisemitici mutano drammaticamente il corso della sua vita. I Frank sono costretti a entrare nella clandestinità e Anne, a causa della situazione, matura in fretta. È un’acuta osservatrice, sia di se stessa sia del mondo intorno a lei. Nell’Alloggio segreto essa diventa una scrittrice promettente.

Film on YouTube

Io sono cambiata, e anche radicalmente, in tutto e per tutto. Le idee, le impressioni, lo sguardo critico, l'aspetto esterno, quello interno, tutto è cambiato. E posso tranquillamente dire in meglio, perché è vero.

Anne Frank, 25 marzo 1944

La mostra "Adesso ho quindici anni" segue il corso della vita di Anne. Per ogni anno di vita vi è una fotografia, una lettera o un altro oggetto da vedere. Alcuni oggetti sono esposti per la prima volta nella Casa di Anne Frank. Non vi sono fotografie di Anne posteriori al 1942, anno in cui compie tredici anni ed entra nella clandestinità.

Il libro degli amici di Juultje Ketellapper, un’amichetta della scuola Montessori, con un verso scritto da Anne nel luglio 1939. Come Anne anche Juultje non è sopravvissuta alla guerra, è stata uccisa a Sobibor il 9 luglio 1943.

La scuola Montessori

All'età di quattro anni Anne emigra con la sua famiglia nei Paesi Bassi. I Frank si stabiliscono nella Merwedeplein ad Amsterdam. Anne frequenta la scuola Montessori del quartiere.

Giugno del 1935. Anne ha sei anni, è seduta in fondo al centro, con un abitino banco. Nella sua classe vi sono trenta allievi e, a quanto ci risulta, quindici sono ebrei. Nove di loro non sopravvivranno all'Olocausto, come Anne.
Anne Frank alla scuola Montessori nel 1940. Ha undici anni. Da sinistra a destra: Martha v.d. Berg, l’insegnante Godron, Anne e Rela Salomon. Anche Rela è ebrea ed è una superstite di Bergen-Belsen. Attualmente vive negli Stati Uniti.
Ab Reiner e Sol Kimel, due compagni di classe di Anne Frank, anch'essi ebrei. Si nascondono, sono arrestati nel febbraio del 1945 e liberati a Westerbork nel maggio del 1945. Entrambi risiedono ora in Israele.

Nuove acquisizioni

La mostra presenta una serie di nuove acquisizioni. Altri oggetti non sono mai stati esposti prima nella Casa di Anne Frank. Ad esempio, si può vedere un servizietto da tè e il libro "Saghe e leggende olandesi" in cui Anne scrisse "in ricordo di Anne Frank" e che donò all'amichetta e vicina Toosje Kupers poco prima di entrare nella clandestinità. In quel momento aveva tredici anni.

Il servizietto da tè che Anne regala alla sua vicina Toosje Kupers. In occasione della mostra Toos Kupers lo ha donato alla Casa di Anne Frank.
Una delle prime lettere di Anne alla nonna che viveva a Basilea, Svizzera, datata 18 dicembre 1936. Anne ha sette anni. Questa lettera è esposta per la prima volta nella Casa di Anne Frank.

La mostra è inaugurata da Hannah Pick-Goslar

Hannah Pick-Goslar, che oggi ha ottantatré anni, racconta della sua amicizia con Anne. Le due si incontrarono alla scuola materna e si parlano per l'ultima volta nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Hannah sopravvisse alla prigionia e dopo la guerra si è trasferita in Israele.

Anne e Hanneli Goslar mentre giocano sulla Merwedeplein nel maggio del 1940. Anne ha quasi undici anni.
Hannah-Pick Goslar durante l’inaugurazione della mostra su Anne Frank, 11 ottobre 2012.