Commiato

  • Stampare
  • RSSRSS
Il direttore generale Hans Westra (65) lascia la Casa di Anne Frank il 1º gennaio 2011 perché ha raggiunto l’età pensionabile. Gli succede Ronald Leopold (50), attuale direttore di Pensioen & Uitkeringsraad, organo per l’applicazione delle leggi che offrono sostegno finanziario alle vittime della Seconda Guerra Mondiale e ai loro parenti. Hans Westra ha iniziato la sua carriera presso la Casa di Anne Frank nel 1974 come collaboratore dell'ufficio didattico e nel 1983 ha assunto l’incarico di direttore generale.

Hans Westra ci ha confidato: “Ho bellissimi ricordi degli anni trascorsi lavorando per la Casa di Anne Frank. Non è facile lasciare il mio incarico ma sono certo che la Fondazione è in buone mani con Ronald Leopold, che è affiancato dal direttore finanziario Kleis Broekhuizen, dal collegio sindacale e naturalmente da tutti i nostri collaboratori.”

La Casa di Anne Frank, durante gli anni in cui Westra vi ha lavorato e l’ha guidata, ha vissuto periodi difficili e molti mutamenti. Quando egli negli anni settanta iniziò la sua carriera si rese conto che il mondo non era tanto interessato nel lavoro formativo della Fondazione quanto in Anne Frank stessa. Sotto la sua guida la Casa di Anne Frank si è sempre più concentrata sulla narrazione della vicenda di Anne Frank e sulla gestione dell'Alloggio segreto. Westra afferma: “La nostra missione è la conservazione del nascondiglio di Anne e la divulgazione della storia della sua vita, per far riflettere sui pericoli rappresentati dalla discriminazione, dal razzismo e dall’antisemitismo. La Fondazione si è sviluppata divenendo un’organizzazione professionale che propone ottimo materiale educativo, mostre itineranti e siti Web come L’Alloggio segreto online. La Casa di Anne Frank, nel corso degli anni, è divenuto uno dei musei olandesi con maggiore affluenza di pubblico, il secondo per numero di visitatori, con una media di un milione di presenze l’anno.”

Westra sottolinea come la Casa di Anne Frank inventi modi e strumenti sempre nuovi per rendere accessibile la vicenda di Anne Frank. La Seconda Guerra Mondiale si è conclusa ormai più di 65 anni fa e dunque ha bisogno di essere spiegata, soprattutto ai più giovani. In linea con questa concezione è la pubblicazione, avvenuta quest'anno, di una biografia per immagini in cui la storia di Anne Frank è narrata con parole ed  immagini, sullo sfondo dei grandi eventi storici dell’epoca.

Un nuovo progetto che mira a rendere più vicina la vicenda di Anne Frank è “L’Amsterdam di Anne”. Si tratta di un giro virtuale, a scopo educativo, lungo i luoghi della città in cui sono visibili le tracce di Anne Frank e della comunità ebraica. Il progetto intende dare un’immagine incisiva della città occupata e della popolazione durante la Seconda Guerra Mondiale. “L’Amsterdam di Anne” è per di più il regalo d’addio ad Hans Westra.

Guarda anche

Un milione

Stamattina la Casa di Anne Frank ha accolto il suo milionesimo visitatore di quest’anno...

Più...