"Forse anche noi ci trasferiremo di nuovo" (Edith Frank-Holländer, 1937). Inaugurazione della nuova mostra nella Casa di Anne Frank

Nuova mostra

Oggi si inaugura la nuova mostra temporanea nella Casa di Anne Frank "Forse anche noi ci trasferiremo di nuovo". L'esposizione illustra la fuga dalla Germania all'Olanda dei Frank, dei Van Pels e di Fritz Pfeffer, avvenuta  negli anni trenta, e i loro successivi, vani tentativi di trovare altrove un rifugio sicuro. Eva Schloss-Geiringer, superstite dell'Olocausto e figliastra di Otto Frank, inaugurerà la mostra e racconterà della sua vita ad Amsterdam, dopo la fuga dall'Austria nel 1938 con i genitori e il fratello. L’esposizione è aperta al pubblico nella Casa di Anne Frank fino al 15 settembre 2012.

"Forse anche noi ci trasferiremo di nuovo"

Una mostra de 2012 sui vani tentativi dei Frank, di Fritz Pfeffer e dei Van Pels di fuggire dall'Olanda.

Più...
Eva Schloss-Geiringer

La mostra inserisce la vicenda dei Frank, dei Van Pels e di Fritz Pfeffer nel contesto dell'esodo dalla Germania e dall'Austria di circa 410.000 ebrei, che ha luogo tra il 1933 e il 1941. Dopo la salita al potere di Hitler nel 1933, molti ebrei tedeschi abbandonano la loro patria. Tra il 1933 e il 1941 circa 280.000 ebrei fuggono dalla Germania nazista e 130.000 dall'Austria, che è stata annessa da Hitler. Si tratta della metà dell'intera popolazione ebraica di questi paesi. Alcune decine di migliaia giungono in Olanda, ma per molti di loro è soltanto una sosta durante il viaggio.

Anche i Frank, i Van Pels e Fritz Pfeffer tentano di lasciare l'Olanda. Edith Frank, la madre di Anne, scrive il 24 dicembre 1937 in una lettera a un'amica: "Forse anche noi ci trasferiremo di nuovo" I Frank cercano un rifugio sicuro in Inghilterra, negli Stati Uniti e a Cuba, i Van Pels negli Stati Uniti e Fritz Pfeffer in Australia, Aruba e in Cile, ma tutti i loro sforzi sono destinati a fallire. Nel 1942 si nascondono nell'Alloggio segreto. Nemmeno qui sono al sicuro, saranno traditi e deportati nei campi di concentramento. Otto Frank è l'unico superstite del gruppo.