Fritzi

  • Stampare

“Fritzi” Markovits nacque a Vienna nel 1905. Sfuggì ai nazisti trasferendosi nei Paesi Bassi nel 1938 con il marito Erich Geiringer, il figlio Heinz e la figlia Eva. La famiglia Geiringer giunse ad Amsterdam, dove si stabilì al numero 46 di Merwedeplein, di fronte alla famiglia Frank.

Heinz Gieringer, allo stesso modo di Margot Frank, riceve una convocazione il 5 luglio del 1942 per il trasferimento a un "campo di lavoro" in Germania. Il giorno successivo la famiglia va a nascondersi. Nel maggio 1944 in seguito a un tradimento vengono inviati al campo di sterminio di Auschwitz passando per il campo di Westerbork nei Paesi Bassi. Il marito Erich muore durante una “marcia della morte” mentre il figlio muore nel campo di concentramento di Mauthausen in Austria. Fritzi e Eva vengono liberate ad Auschwitz dall'esercito russo il 27 gennaio del 1945, e ritornano ad Amsterdam il 13 giugno dello stesso anno, insieme a Otto Frank.

Dopo il loro matrimonio Otto e Fritzi vanno a vivere a Basilea, dove la famiglia di Otto si era trasferita prima della Seconda Guerra Mondiale. Il loro impegno di istruire i giovani riguardo ai concetti di razzismo e discriminazione sfocia nell’apertura della Casa di Anne Frank ad Amsterdam nel 1960.

La morte colpì Otto nel 1980. Fritzi Frank proseguì il lavoro della loro vita dalla casa di Basilea. Fino alla sua morte nel 1998 fu un'accanita sostenitrice dell’Anne Frank Educational Trust UK, costituito nel 1990. Si trovano riscontri della storia della sua vita nella biografia di sua figlia "Storia di Eva".