website awards
1944 - 1944 Il nascondiglio Precedente Prossimo
  • © Nationaal Archief
  • © Nationaal Archief
  • © Nationaal Archief
  • © Nationaal Archief
  • © Nationaal Archief

Donne e bambini nei campi di concentramento durante l’occupazione giapponese delle Indie Orientali Olandesi.

Per più di tre anni donne e bambini sono internati dai giapponesi nel campo sovraffollato e sporco di Tjideng, una parte di Batavia che è stata recintata.

  • Stampare

1914 - 1918 La famiglia Frank durante la Prima Guerra Mondiale

Otto Frank e i suoi fratelli vengono chiamati alle armi per combattere nell’esercito tedesco sul fronte occidentale. La madre e la sorella operano come volontarie presso un ospedale militare di Francoforte sul Meno. Tutti sopravviveranno a questo devastante conflitto, che sfocerà infine in una successiva guerra mondiale.

1914 - 1918  La famiglia Frank durante la Prima Guerra Mondiale

1919 - 1925 L’impresa di famiglia

Dopo la guerra tutto torna alla normalità usuale. Otto assume la gestione della banca di famiglia. Quando la Repubblica di Weimar viene gettata in una profonda crisi economica e politica, tra la popolazione comincia a serpeggiare il malessere. Sarà il germe da cui scaturirà il partito nazista e che precorrerà l’ascesa al potere di Hitler.

1919 - 1925  L’impresa di famiglia

1925 - 1929 Otto ed Edith si sposano

Otto Frank conosce Edith Holländer: la coppia si sposerà in una sinagoga ad Aquisgrana. In Germania la situazione politica precipita e i nazisti godono di un sostegno sempre più vasto. Il pensiero di Hitler sul destino della Germania e la sua ideologia sulla razza sono pubblicate nel libro “Mein Kampf” (“La mia battaglia”).

1925 - 1929  Otto ed Edith si sposano

1929 - 1933 La nascita di Anne Frank

Anne Frank nasce il 12 giugno 1929 a Francoforte sul Meno, alla vigilia di una crisi finanziaria che colpirà l’intero pianeta. Sua sorella Margot ha 3 anni.

1929 - 1933  La nascita di Anne Frank

1933 - 1941 L’emigrazione in Olanda

Hitler sale al potere. Otto ed Edith Frank sono convinti che emigrando ad Amsterdam saranno al riparo dai rigurgiti antisemiti della Germania nazista. Otto avvia la propria azienda e manda le figlie a scuola. Mentre l’Europa si avvia verso la guerra, la vita segue il suo corso abituale.

1933 - 1941  L’emigrazione in Olanda

1940 - 1942 L’invasione tedesca

Nel maggio del 1940 la Germania invade l’Olanda, il Belgio e la Francia. La schedatura degli ebrei rappresenta il primo passo verso l’isolamento di questo gruppo. L’appartenenza all’etnia ebrea costringe Otto a lasciare la proprietà dell’azienda. Jo Kleiman viene quindi nominato direttore.

1940 - 1942  L’invasione tedesca

1942 - 1944 Il nascondiglio

Margot riceve una convocazione per recarsi in un campo di lavoro: rapidamente si finisce di predisporre un nascondiglio all’interno dell’edificio che accoglie gli uffici di Otto. Ai suoi dipendenti viene affidato il compito di salvaguardare la sicurezza dei clandestini. I successi degli Alleati rinvigoriscono nei clandestini la speranza che si arrivi a una liberazione.

1942 - 1944  Il nascondiglio

1944 - 1945 L’arresto

L’arresto dei clandestini avviene a causa di una soffiata: verranno tutti deportati nei campi di sterminio. Kleiman e Kugler verranno condannati a pene carcerarie per avere agito da benefattori. Miep e Bep rimangono e attendono gli eventi.

1944 - 1945  L’arresto

1945 - 1948 Il ritorno di Otto

La resa della Germania significa la fine della guerra: l’Europa è libera, ma è ridotta a un cumulo di macerie. Otto Frank ritorna ad Amsterdam per dare un nuovo inizio alla propria vita e piangere la scomparsa della propria famiglia. Non è l’unico: a poco a poco la gente prende coscienza dell’entità del genocidio degli ebrei.

1945 - 1948  Il ritorno di Otto

1947 - 1957 La pubblicazione del diario

Otto Frank dà seguito alla volontà di Anne e pubblica il diario. Grazie alle traduzioni in molte lingue e a un adattamento teatrale il racconto di Anne raggiunge e commuove le persone di tutto il mondo.

1947 - 1957  La pubblicazione del diario

1957 - 1960 Salvato dalla demolizione

L’Alloggio segreto versa in condizioni di rovina e di abbandono. Per salvarlo dalla demolizione si costituisce la Casa di Anne Frank. Il film “Diary of Anne Frank” di George Stevens vince vari Oscar e accresce la notorietà di Anne Frank in tutto il mondo. La cooperazione tra gli stati europei porta alla costituzione della CEE.

1960 - 1969 L'inaugurazione della Casa di Anne Frank

Il nascondiglio in cui Anne Frank scrisse il diario diviene un museo. L’interesse aumenta quando Anne e il suo diario acquistano popolarità a livello mondiale e viene scoperto il responsabile dell’arresto dei clandestini.

1960 - 1969  L'inaugurazione della Casa di Anne Frank

1970 - 1986 La chiusura per il restauro

Il crescente numero di visitatori rende necessario un secondo restauro, stavolta di ampio respiro: ciò causa una chiusura temporanea del Museo. Nello stesso periodo viene presentata in vari paesi la prima mostra itinerante su Anne Frank. Otto Frank muore.

1970 - 1986  La chiusura per il restauro

1986 - 1999 La prova dell’autenticità

Un’edizione critica del diario dissipa qualsiasi dubbio sulle accuse di falso. Prosegue il restauro del Museo per adattarlo al crescente interesse del pubblico.

1999 - 2010 Restauro e rinnovo

Dopo un progetto durato svariati anni, la Casa di Anne Frank è completamente rinnovata. Il Museo viene ufficialmente inaugurato dalla regina Beatrice dei Paesi Bassi.

1999 - 2010  Restauro e rinnovo

2010 - 2011 I 50 anni del Museo

La Casa di Anne Frank festeggia il suo 50esimo anniversario come museo. Il lancio di un nuovo sito consente ai visitatori in ogni parte del mondo di “entrare” virtualmente nel museo. Miep Gies muore all’età di 100 anni e l’albero di Anne Frank si schianta al suolo durante una tempesta estiva.

2010 - 2011  I 50 anni del Museo

Caricamento della cronologia…

Anne Frank - Cronologia visuale

Naviga in 100 anni di storia universale.

Scorri per visualizzare altre informazioni.

Usa la barra di scorrimento per visualizzare l’intero articolo.